Mercato del lavoro a Como: qual è la situazione attuale?

Como è una ridente città che si affaccia sull’omonimo lago e che ogni anno catalizza migliaia di visitatori. Il turismo, dunque, è la principale fonte di reddito della città, ma non l’unica.

Nella provincia comasca sono presenti anche molte aziende e attività di servizi alle imprese, trasporti, attività commerciali.

La città, dunque, seppure abbia risentito degli eventi legati alla pandemia, e all’attuale situazione nell’Est Europa, offre ancora discrete chance occupazionali, per chi desidera trovare un nuovo lavoro. Basta cercare offerte di lavoro a Como, per capire quali sono le figure professionali più ricercate e attivarsi per inviare la propria candidatura.

Lavoro solonotizie

Una fotografia sulla situazione lavorativa nel comasco

Secondo uno studio effettuato dalla Uil del Lario, sulla base dei dati Istat del 2021, il mercato del lavoro a Como e provincia manifesta alcuni segni di sofferenza tra i settori che da sempre caratterizzano la sua economia.

Quanto accaduto con la Pandemia e l’inflazione ha di fatto minato la continuità di molte attività imprenditoriali della zona, con inevitabili ricadute anche sull’occupazione del territorio.

Stando a quanto emerso dall’indagine gli occupati attuali sono 251mila lavoratori, di cui buona parte dipendenti. Nonostante la crisi, quindi, molte aziende continuano a cercare collaboratori e assumere. Questi, rispetto al 2020, sono aumentati del 2,21%.

L’industria e le costruzioni sono i settori che non risentono della crisi e quelli in cui si hanno maggiori chance di trovare lavoro. Il comparto edilizio, di fatto, ha fatto registrare un rialzo dell’11,18%.

Quali figure professionali sono più ricercate a Como

Secondo il Rapporto Annuale sull’economia Comasca, i settori più attivi nel territorio riguardano i servizi, per il 41,2%, il commercio, per il 17%, e il manifatturiero, per il 32,2%.

Alla luce di questo, è facile risalire alle figure professionali maggiormente richieste nel territorio.

Tra questi non mancano, infatti, agenti di commercio, operatori sociosanitari, infermieri professionisti, ma anche operai, impiegati nella funzione di segreteria, assistenza clienti e responsabili finanziari.

Molto ricercati sono anche gli operai semi qualificati per la gestione di macchinari di lavorazione in serie, artigiani e operai specializzati nel settore dell’elettronica e della metalmeccanica, ma anche figure professionali nel comparto dell’editoria e della comunicazione o professioni più tecniche in ambito scientifico, come ingegneri e architetti.

È stato riportato, infatti, che per il 70% l’economia comasca poggia sui servizi e sulle aziende manifatturiere; pertanto, tutte le figure che possono ricoprire ruoli manageriali o operativi, possono trovare ottime opportunità in questo territorio.

Non bisogna poi dimenticare il comparto commerciale, per cui vengono ricercate anche professioni qualificate per lavorare nella GDO (Grande Distribuzione Organizzata) come e nei negozi al dettaglio, come magazzinieri, corrieri, fattorini, commessi e scaffalisti.

Importante è anche il settore del turismo e della ricettività, costantemente alla ricerca sia di collaboratori stagionali che fissi. Spazio, dunque, alle candidature per offerte di lavoro riferite a baristi, cuochi, chef, pizzaioli, aiuto cuoco e receptionist.

Vista l’alta affluenza turistica, i più intraprendenti potrebbero anche pensare di avviare un’attività in proprio, ritagliandosi una fetta di mercato importante, magari in seguito a un periodo di gavetta per apprendere meglio il mestiere.