Federica Pellegrini e Matteo Giunta lo annunciano così: “Fare i genitori sarà…”

Matteo Giunta, allenatore di nuoto e compagno dell’ex campionessa Federica Pellegrini, ha parlato dei progetti futuri della coppia, dal prossimo matrimonio ai futuri figli. Ecco cosa ha detto.

La nuova coppia d’oro dello sport italiano

Dopo le Olimpiadi di Tokyo della scorsa estate hanno ufficializzato il loro amore. Federica Pellegrini e Matteo Giunta si stanno godendo la loro bellissima storia d’amore. L’allenatore e l’ex campionessa di nuoto – tra poco impegnata con una nuova stagione di Italia’s Got Talent su Sky – hanno anche rivelato di voler convolare presto a nozze, Covid permettendo. In un’intervista rilasciata a Il Corriere della Sera, Matteo Giunta ha parlato del viaggio di nozze, già a quanto sembra programmato, della coppia. Ha spiegato: “C’era l’idea di prenderci un momento solo per noi e andare in giro per scoprire il nostro bellissimo pianeta”.

Ha continuato l’allenatore di nuoto, cugino dell’ex di Federica Pellegrini, Filippo Magnini: “Ci piace conoscere culture diverse, abbiamo viaggiato per motivi sportivi ma senza godercela. Ma questo era prima che arrivassero i quattro cagnolini. È vero che ci sono dei dog sitter d’eccezione, come i genitori di Fede, ma non vogliamo approfittare del loro aiuto. Vorrà dire che cominceremo con qualche viaggio in Italia, e va anche bene conoscere il nostro Paese prima di andare lontano. La prima vacanza la faremo in sei”.

Leggi anche —> Belen e Antonino addio per sempre, lui ha lasciato il lavoro per lei: cosa faceva

Le parole di Matteo Giunta

Il coach e l’ex campionessa di nuoto hanno intenzione di mettere su famiglia? Giunta ha risposto anche a questa domanda: “Sarà faticoso fare i genitori, perciò se il problema sarà quale sport scegliere vorrà già dire che non c’è un problema”.

Leggi anche —> Uomini e Donne, Roberta e Samuele: cosa sta succedendo dopo la scelta

E ancora: “L’importante è che ne facciano uno, che ne sperimentino tanti, perché lo sport è una scuola di vita, e che si divertano: da allenatore, frequentando i genitori, ho imparato che fino a una certa età lo sport non va preso troppo seriamente, va vissuto senza pressioni”.