WhatsApp cambia i vocali: ora si mandano così

Arriva una grande novità per WhatsApp: adesso i vocali cambiano modalità, e si mandano in un modo diverso. Ecco come.

Questa notizia la sia aspettata da anni, ed era già stata preannunciata sulle versioni beta delle applicazioni per Android e ioS. Adesso la news è però giunta su tutti i cellulari, e possiamo anche ora scoprire di cosa si tratta. L’annuncio ufficiale è stato infatti dato tramite un videomessaggio su Twitter, il quale ha mostrato la nuova interfaccia per i vocali su WhatsApp. Siete curiosi di saperne di più?

I nuovi messaggi vocali di WhatsApp

E’ stata dunque introdotta una grande novità nei messaggi vocali di WhatsApp. Prima di questo ultimissimo annuncio, per inviare un vocale occorreva tener premuto il tasto a forma di microfono e registrare la propria voce. Spostando il dito verso sinistra, la nostra voce veniva cancellata e, spostandolo verso destra, veniva invece bloccata l’interfaccia.

Ognuno avrà invece adesso molto più controllo nella registrazione: l’audio potrà infatti essere messo in pausa (per poi essere ripreso) e potrà essere anche cancellato anziché inviato. Dopo la registrazione del messaggio vocale, WhatsApp consentirà appunto di premere i pulsanti Stop (se lo si vuole bloccare) o Play (con il quale si potrà riascoltare l’audio prima di inviarlo).

Leggi anche —-> Il trucco WhatsApp per scoprire dove si trova un contatto

Nonostante ci siano state molte richieste a riguardo, non è al momento possibile modificare l’audio, ossia tagliarlo o accorciarlo. Secondo alcune indiscrezioni, questa opzione potrebbe però arrivare in futuro. Non resta che attendere.

Leggi anche —-> WhatsApp, ecco come leggere i messaggi eliminati: il trucco

Si precisa inoltre che questa novità non riguarda adesso tutti gli smartphone, sebbene tutti abbiano i vocali. WhatsApp le sta infatti distribuendo in tutto il mondo e agli utenti Android e iOS. Ci vorrà dunque un po’ di tempo per vedere questo aggiornamento raggiungere tutti i telefoni globali: non occorre dunque demordersi, ma aspettare che arrivi il proprio turno.