Butti le bucce dei mandarini? Sbagli! Ecco come riutilizzarle

E’ arrivata ufficialmente la stagione dei mandarini, il frutto amato sia dai grandi che dai piccini. Ecco qualche trucco per riutilizzare la sua buccia.

L’errore più grande che si possa fare è infatti quello di gettare nell’umido le scorze dei mandarini consumati. Un consiglio: non vanno mai buttate e, anzi, si possono anche rigenerare. Sapete come? Ecco, allora, qualche consiglio per riciclare le bucce dei mandarini, mediante delle ricette ma anche delle decorazioni per la casa.

Scorze di mandarino candite

Com’è ormai ben noto, in cucina si preparano spesso le scorze di arancia candite. Si può però fare lo stesso procedimento con le bucce di mandarino. Per l’occasione, è necessario utilizzare mandarini non trattati o biologici, in modo da non ingerire pesticidi.

Candela con buccia di mandarino

Le bucce di mandarino possono essere inoltre usate per creare una candela: basterà infatti far colare al loro interno l’olio e inserire uno stoppino. Per il mandarino, è importante scegliere i frutti più grossi.

Olio aromatizzato al mandarino

Si possono riciclare le bucce di mandarino preparando un olio aromatizzato. Si tratta di un procedimento abbastanza semplice: occorre utilizzare la scorza di 5 mandarini ogni 500 ml di olio extravergine. Si inseriscono così l’olio e le scorze in una bottiglia di vetro, e si tengono al buio per 10 giorni. Occorre infine filtrare con un colino l’olio e rimetterlo nella bottiglia.

Sale aromatizzato al mandarino

E’ bene sapere che si può anche aromatizzare il sale: si utilizza mezza buccia di mandarino grattugiato ogni 12 cucchiaini di sale. Si mette poi il sale su una teglia ricoperta di carta forno e si fa essiccare a 50° per circa 10-15 minuti. Si inserisce infine  il tutto in un barattolo di vetro, che si dovrà lasciare aperto fino al suo raffreddamento.

Infuso di bucce di mandarino

Si può preparare anche un buonissimo infuso: si dovrà mettere un paio di cucchiai di scorze lavate e tagliate in un pentolino con l’acqua e si dovrà portarlo ad ebollizione. Si dovrà spegnere e lasciare riposarlo per circa 5 minuti: occorre in seguito filtrare e gustare l’infuso (che può essere dolcificato a piacere con un po’ di miele).

Leggi anche —-> Mangiare l’avena a colazione fa dimagrire: ecco alcune ricette

Pout-pourri

Le bucce di mandarino possono servire anche per decorare e profumare la propria casa. Il mandarino può essere infatti inserito in un colorato e profumato pout pourri.

Leggi anche —-> Come lavare in lavatrice i piumini e le giacche invernali?

Marmellata di mandarini

Infine, è buona norma ricordare che si può anche gustare una dolcissima marmellata di mandarini. Una vera delizia per il palato!