Flaza, la drammatica confessione a Lorella Cuccarini: il racconto della cantante

“Maleducata, cafona, arrogante”, sono solo alcune delle parole che il pubblico ha rivolto a Flaza. Lorella Cuccarini ha cercato di farle comprendere quanto i suoi atteggiamenti condizionassero l’opinione che i telespettatori hanno di lei, mettendola di fronte alle sue responsabilità, con lo scopo di aiutarla a migliorare. 

Amici, Flaza e il suo racconto

Nel corso della chiacchierata tra Lorella Cuccarini e Flaza, la giovane cantante ha svelato una parte del suo passato di cui non aveva mai parlato. L’allieva ha tirato fuori le sue emozioni e, con l’aiuto di Lorella Cuccarini ha affrontato alcuni aspetti della sua vita che aveva scelto di tenere per sé.

Lorella Cuccarini l’ha messa dinnanzi all’opinione che il pubblico si è fatta di lei, in seguito ai suoi atteggiamenti. La cantante è rimasta senza parole, poi si è lasciata andare ad un lungo sfogo, spiegando che il suo comportamento è frutto di esperienze difficili del passato.

Flaza ha detto di indossare volutamente uno scudo protettivo, finendo per risultare arrogante e di questo si è scusata. In realtà ha confessato di essere vulnerabile e di provare a nascondere le sue fragilità con atteggiamenti che le sono costati cari.

Lorella Cuccarini parla con Flaza, lei confessa: “Ho passato 2 anni e mezzo in depressione”

“L’arroganza è un mio modo di difendermi. Quando ci sono situazioni in cui mi sento da meno metto questo scudo per difendermi”- ha confessato Flaza, poi ha parlato del suo rapporto con i suoi genitori, della depressione e delle conseguenze che il suo stato emotivo e mentale hanno avuto sulla sua vita.

LEGGI ANCHE -> Uomini e Donne, l’amato protagonista lascia il programma: addio inaspettato

LEGGI ANCHE -> Elisabetta Canalis, sapete che lavoro fa il marito Brian? Ricco anche lui

“Ho passato 2 anni e mezzo in depressione. Non sono più uscita, non ho avuto amici, non mi sono appassionata a niente. Ho passato tanto tempo fuori casa perché non andavo d’accordo con i miei genitori. Ho dormito nelle stazioni”.