‘Svegliati amore mio’, operaio licenziato: ha condiviso un post sulla fiction

Un operaio tarantino dell’ArcelorMittal ha denunciato di essere stato licenziato per aver condiviso un post sulla fiction Svegliati amore mio. Ecco tutto quello che è successo.

La denuncia di Riccardo Cristello

La fiction di Canale 5, Svegliati amore mio, ha avuto un grandissimo successo. E la serie con Sabrina Ferilli ed Ettore Bassi, parla di Nanà, mamma di Sara, bimba malata di leucemia. La donna, interpretata dall’attrice romana, lotta per la verità: la malattia è stata causata dai veleni provenienti dall’acciaieria Ghisal. In tale azienda lavora suo marito, da oltre vent’anni, Sergio. E bene nelle scorse ore, come ha riportato il Corriere della Sera, un operaio del colosso di Taranto, ArcelorMittal, ha denunciato di essere stato licenziato per aver condiviso un post sulla fiction di Canale 5. L’operaio, Riccardo Cristello, 45 anni, 21 dei quali passati a lavorare nell’azienda tarantina, ha condiviso qualche giorno fa un post su Facebook in cui invitava tutti a vedere la fiction.

Un altro operaio, invece, è stata denunciato per lo stesso motivo. L’azienda ha comunicato che il licenziamento è arrivato dal momento che, tale contenuto, conteneva: Affermazioni di carattere lesivo e minaccioso”.In un’intervista rilasciata a Il Corriere della Sera, Cristello ha spiegato: Ho fatto solo copia e incolla di un post su Facebook, ho condiviso un’immagine così come faccio cento volte al giorno. E per questo sono stato licenziato da ArcelorMittal, dopo un provvedimento disciplinare di sospensione”. E ancora: “ArcerlorMittal mi contesta di aver leso l’immagine della società. Questo perché qualche giorno fa ho condiviso sulla pagina Facebook che ho con mia moglie un post scritto da altri con cui si invitava a vedere la fiction Svegliati amore mio in onda su Canale 5”.

Leggi anche —–> Flavio Briatore, nuova e inaspettata versione sui social VIDEO

Leggi anche —–> Verissimo, anticipazioni puntata 10 aprile: tutti gli ospiti di Silvia Toffanin

Le parole dell’operaio licenziato

L’operaio ha continuato: “Il post conteneva frasi che facevano riferimento a situazioni di inquinamento ambientale. Ma in quel post non c’è mai scritto il nome ArcelorMittal. E poi io abito a Taranto, mica a Trento. E credo di non essere stato l’unico a condividere quel post su un tema che interessa tutta la città”. Al momento sia l’attrice Sabrina Ferilli, che gli ideatori della serie Ricky Tognazzi e Simone Izzo, si sono schierati al fianco dell’operaio licenziato.

Il sindacato di base Usb ha proclamato uno sciopero a oltranza. Il quale comincerà alle 7 del mattino del prossimo 14 aprile. Un altro operaio, che aveva anch’egli condiviso un post sulla fiction, si è scusato pubblicamente ed è stato sospeso dall’azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.