Premi Cesar, fuori programma sul palco: attrice si denuda per protesta

Durante le assegnazioni delle statuette ai Premi Cesar, un’attrice si è denudata sul palco in diretta per protesta.

Ieri sera si sono svolte le premiazioni cinematografiche del cinema francese, i Premi Cesar. Un evento solitamente molto atteso sia dai cinefili d’oltralpe che da quelli di tutto il mondo, poiché a queste premiazioni solitamente emergono film che sfuggono al circuito di massa. Tuttavia quest’anno i Premi Cesar si svolgevano in un’atmosfera surreale, sia perché – come tutti gli eventi di questo periodo – si sono svolti senza pubblico e senza premiati in sala, sia perché le sale cinematografiche sono chiuse da oltre tre mesi in Francia.

A vincere la statuetta come miglior film dell’anno è stata la commedia amara (in pieno stile francese) del regista Albert Dupontel ‘Adieu les cons‘. La pellicola ha letteralmente dominato la serata delle premiazioni francesi visto che ha vinto 7 premi, tra cui quello per la migliore regia. Si tratta della storia di una donna gravemente malata che, prima di morire, decide di mettersi alla ricerca del figlio che non vedeva da anni.

Per quanto riguarda gli altri premi principali: il Cesar per il miglior film straniero è andato ad ‘Another Roud‘, pellicola danese diretta dal regista Thomas Vintemberg che narra la storia di un gruppo di amici che decide di migliorare la propria percezione della vita mantenendo un livello di alcol costante in corpo. Il premio come migliore attore è andato in vece a Sami Bouajila per il ruolo in ‘Un Figlio’, mentre quello per la migliore attrice è andato a Laure Calamy per l’interpretazione in ‘Antoinette dans les Cèvennes’.

Premi Cesar, attrice nuda sul palco per protesta contro il governo

A rubare la scena ed i titoli dei giornali alle premiazioni di quest’anno è stata la protesta messa in atto dall’attrice francese Corinne Masiero. L’artista era stata chiamata sul palco per presentare il premio per i migliori costumi, ma prima di farlo ha deciso di mandare un messaggio politico importante e molto sentito in Francia.

Leggi anche ->Elisabetta Canalis gioca con le trasparenze e osa di bianco vestita: pazzesca

Sin dall’inizio si è compreso che la sua presenza sul palco avrebbe lasciato il segno: si è presentata con indosso una pelle d’asino ed il corpo macchiato di quello che sembrava sangue. Raggiunto il centro del palco, quindi, ha lasciato cadere la pelle che le copriva il corpo denudandosi completamente. Sul petto c’era una scritta: “Niente cultura, niente futuro“. Successivamente si è girata di spalle per mostrare lo slogan sulla schiena “Ridacci la cultura Jean”.

Leggi anche ->Luciana Littizzetto, l’adozione dei figli grazie a Maria De Filippi: il retroscena privato

Il messaggio è rivolto chiaramente al primo ministro francese Jean Casteaux, l’unico in grado di cambiare un corso di riforme che sta penalizzando la cultura nel Paese transalpino. Già in dicembre decine di attori, registi teatrali, musicisti, critici letterali erano scesi in piazza a Parigi per protestare contro la chiusura dei luoghi adibiti allo spettacolo e alla musica in tutte le città della Francia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.