Maneskin, chi sono: età, storia, carriera e componenti del gruppo che partecipa a Sanremo

Scopriamo tutto ciò che c’è da sapere sui Maneskin, il gruppo rock italiano esploso ad X-Factor che parteciperà a Sanremo.

Il lavoro di selezione musicale effettuato in questo 2021 da Amadeus per il suo secondo Festival di Sanremo è davvero eccellente. Sul palco dell’Ariston si esibiranno artisti che fanno parte di scene musicali completamente differenti, il che permetterà di offrire uno spettacolo eterogeneo e completo al pubblico italiano. Basta osservare la lista intera dei protagonisti, infatti, per rendersi conto che ce n’è davvero per tutti i gusti e che ogni italiano potrà trovare qualche canzone e qualche artista di proprio gradimento.

Tra i più attesi in questo 2021 ci sono di sicuro i Maneskin, giovanissima rockband che è si è presentata al pubblico partecipando al talent X-Factor ed ha raggiunto la notorietà subito dopo con i primi singoli estratti. Ad oggi i quattro ragazzi rappresentano il presente ed il futuro del rock italiano, il punto di congiunzione tra quello che il genere ha rappresentato nel nostro Paese e quello che potrebbe diventare se altri gruppi seguiranno la strada da loro tracciata.

Formazione e composizione del gruppo e la partecipazione al talent 

L’idea di formare i Maneskin, parola danese che significa “chiaro di luna” è venuta alla bassista Victoria De Angelis, nata a Roma ma di origini danesi, e al chitarrista Thomas Raggi. I due infatti si sono incontrati alle medie della Capitale e quando hanno compreso che la loro passione per la musica era la stessa hanno deciso di formare una band. Solo nel 2015, però, la formazione è giunta a compimento. Prima si è aggiunto il cantante Damiano David e successivamente, tramite annuncio su Facebook, è arrivato anche il batterista Ethan Torchio.

Leggi anche ->Festival di Sanremo si complica tutto, prove sospese: “Positivo al covid”

Per due anni i quattro ragazzi romani hanno affinato la loro abilità e la tecnica, poi nel 2017, ancora minorenni, si sono presentati ad X-Factor ed hanno incantato i giudici sin dai provini. Arriveranno solo secondi, ma il singolo prodotto durante i mesi al talent – Chosen – garantirà loro il successo discografico. Il brano diventa doppio disco di platino, così come il successivo Morirò da Re.

I Maneskin diventano un fenomeno commerciale

Se il successo del primo album poteva essere dovuto all’onda lunga della notorietà ottenuta ad X-Factor, quello che è seguito è certamente frutto del talento di questa giovanissima band romana. Nel 2018 esce il singolo Torna a Casa, canzone che rimane nella classifica delle più ascoltate per mesi e che riceve il quintuplo disco di platino. Nello stesso anno ultimano i lavori sul primo album in studio e lo presentano al primo Live di X-Factor. Questo contiene sia Morirò da Re che Torna a Casa e successivamente verranno estratti Fear for Nobody, L’altra dimensione e Le Parole Lontane. Queste ultime due ricevono un buon riscontro, ma nulla di paragonabile rispetto ai primi due singoli.

Leggi anche ->Amadeus colpaccio a Mediaset: sul palco di Sanremo una conduttrice da record

Conclusa la tournée europea nel 2019, i Maneskin si prendono un anno di riposo e nell’ottobre del 2020 fanno uscire un nuovo singolo intitolato Vent’anni. E’ il preludio alla pubblicazione del loro secondo album (ancora in lavorazione) a cui si aggiungerà il brano Zitti e Buoni che presenteranno in esclusiva a Sanremo. E’ probabile che proprio dopo la kermesse sanremese il gruppo pubblichi ufficialmente la sua seconda fatica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.