Questa bimba immersa nella bacinella oggi è una delle prof di Amici più amate: chi è?

La nuova classe di Amici 2020 è profondamente cambiata grazie all’arrivo di alcuni nuovi professori. In particolar modo, ecco che l’attenzione mediatica si concentra su una foto che mostra una professoressa della scuola quando era solo una bambina. Ecco di chi si tratta.

Il programma di Amici di Maria De Filippi 2020 ha avuto un avvio diverso dal solito, dato che due dei professori hanno voluto dire addio al programma per dedicarsi ad altri progetti nella loro vita. Stiamo parlando di Stash, sostituito da Arisa, e da Timor Steffens il cui posto è andato a Lorella Cuccarini.

Le due nuove professoresse hanno fatto ben presto ad ambientarsi, ma oggi a tenere banco nel mondo del web troviamo una foto molto, molto particolare… scopriamo insieme di chi si tratta.

La bambina nella bacinella

A tenere banco nel mondo del web oggi troviamo una foto molto particolare che mostra una bambina che si trova immersa in una bacinella piena d’acqua. Un’immagine che in men che non si dica ha fatto il giro del web anche perché il soggetto in foto è una donna molto famosa, e che da qualche tempo è diventata anche una professoressa di Amici.

Rullo di tamburi perché… la protagonista in foto è proprio lei, ovvero la strepitosa Arisa.

Il ricordo della Prof di Amici…

Osservando molto attentamente l’immagine in questione, dunque, possiamo notare come il viso sia proprio quello di Arisa un tempo anche una piccola bambina, ignara della grande cantante che sarebbe diventata molti anni dopo.

Leggi anche -> Qui appena 20enne oggi a 75 anni ancora bellissima: avete capito chi è?

Leggi anche -> Tina Cipollari prima del ritocchino: la trasformazione della vamp di Uomini e Donne

Il post di cui stiamo parlando, infatti, è accompagno anche dal seguente e importate commento dove è possibile leggere:

“C’era una volta una piccina che faceva il bagno nella bacinella del bucato. La sua mamma scaldava l’acqua sulla stufa di ghisa, in un pentolino e ne controllava la temperatura sul polso per evitare che si scottasse… Quell’acqua poi veniva rimessa sulla stufa, per umidificare l’ambiente e permettere alla piccola di respirare meglio. Quanto amore!! Io quasi quasi ci rimango in Basilicata. Qui c’è tutta la mia vita, l’aria è buona e sentire il mio papà che russa di notte dalla parte opposta della casa mi fa sentire felice. Poi c’è la primavera, e in primavera la mia terra diventa un miracolo”.