Alessandro Siani, polemica feroce sull’attore

Attore dall’inconfondibile ed affascinante accento napoletano, Alessandro Siani ha vissuto ore non facili. Le critiche sono arrivate senza pietà

Pseudonimo di Alessandro Esposito, Siani è nato a Napoli nel 1975 e nella sua vita ha già vissuto molte esperienze professionali. Attore, comico e cabarettista, è stato anche regista e sceneggiatore, nonché conduttore e produttore cinematografico.

Alessandro Siani
Alessandro Siani e la battuta riuscita male (solonotizie24.it)

Le sue prime esperienze teatrali sono avvenute nel laboratorio Tunnel Cabaret, storico locale napoletano. A soli vent’anni vince il Premio Charlot come miglior cabarettista dell’anno e, a ventiquattro anni, esordisce in tv a TeleGaribaldi nel trio A Testa in giù. Nel 2002, poi, approda a Telecapri conducendo il Maradona Show e in Rai approda nel 2003, quando viene ospitato a Bulldozer di Federica Panicucci.

Di anno in anno, la sua fama cresce, così come gli apprezzamenti di cui gode. A un certo punto della sua carriera, però, uno scivolone pazzesco ne mette in crisi la stabilità: le critiche piovono copiose.

Alessandro Siani a Sanremo: la battuta sconvolge tutti

Si sa: la comicità spesso si attesta su un filo molto sottile, che divide il politicamente corretto dal politicamente scorretto. Comici come Luciana Littizzetto, per esempio, si divertono molto a giocare con questo limite, varcandolo di tanto in tanto per toccare punti di ilarità rari e talvolta pericolosi. Alessandro Siani, però, non si è mai esposto su questi temi così espliciti, pur cercando sempre di fare una comicità non scontata e non banale.

Invitato sul palco dell’Ariston da Carlo Conti durante il Festival di Sanremo 2015, Alessandro Siani portò uno dei suoi monologhi ironici. Passando tra la platea, però, notò un bambino sovrappeso e gli disse: Ce la fai ad entrare nella poltrona, zio? Scusami, da lontano pensavo fosse una comitiva…“. Carlo Conti si trova subito imbarazzato e, forse intuendo la gravità di quella battuta, commenta: “Sta scherzando!“.

Nonostante il tentativo di salvataggio di Carlo Conti, però, la battuta suscitò aspre critiche. All’epoca, venne addirittura coinvolto il Codacons, al quale si chiese di sanzionare pesantemente il comico. A quanto pare, però, Alessandro Siani risolse il problema della figuraccia devolvendo l’intero cachet di Sanremo in beneficienza.

Sebbene ci siano ancora molte persone che, da quel momento, non riescono più a vedere Siani con gli stessi occhi, ancora oggi è uno dei comici più apprezzati. Se fate parte di questo secondo gruppo o se volete provare a ricredervi, questa sera su Canale 5 è la vostra occasione: alle 21.15, infatti, verrà trasmesso “Il giorno più bello del mondo” con Siani, Giovanni Esposito, Leone Riva e Sara Ciocca.