Arriva il Bonus da 1.000 euro per chi adotta un cane randagio

Arriva il bonus da 1.000 euro per tutti coloro aiutano un cane, togliendolo dalla strada. Ecco chi può richiederlo, come fare per averlo e dove è possibile farne richiesta.

 

Arriva una buona notizia per tutti gli amanti degli animali. Il bonus per coloro che si prodigano nell’aiutare i cani randagi, offrendogli riparo e protezione attraverso un’adozione non è più un miraggio. Ma chi ha vagliato questa bellissima iniziativa?

Arriva il bonus di 1.000 euro per chi adotta in cane randagio

In Italia, purtroppo sono tanti i cani randagi che vagano per le strade in cerca di cibo, acqua e riparo. Molti nascono già in condizioni precarie e, per questo necessitano di tante cure, ma soprattutto di calore umano. Il cane è un animale che ha bisogno di socialità, di stare a stretto contatto con l’uomo, e che a sua volta è in grado di rallegrare le vite di chi scegli di adottarne uno.

Di recente, si parla tanto del cosiddetto bonus “adozione”, che consiste in una somma di 1.000 euro da attribuire a coloro i quali decidono di adottare un cane randagio. L’iniziativa è partita dall’amministrazione comunale di Gragnano, in comune campano.

Una bellissima iniziativa è stata varata, salverà molti cani dalla strada

Il sindaco Nello d’Auria ha approvato il provvedimento, e così chi nel territorio del comune di Gragnano adotterà un cane randagio potrà richiedere ed ottenere 1.000 euro. La bellissima iniziativa nasce dall’esigenza di tutelare i cani randagi presenti sul territorio, che spesso proprio perchè non hanno una famiglia che li accolga, finiscono in canile.

LEGGI ANCHE -> Ilary Blasi pubblica questa foto, sapete quanto costano le sue scarpe? Prezzo capogiro

LEGGI ANCHE -> Benedetta Rossi operata, come sta ora: la foto nel letto di ospedale

Adottato il cane sarà possibile inoltrare la richiesta per avere il bonus di 1.000 euro che potrà essere speso presso i locali commerciali che hanno aderito all’iniziativa. Verranno dunque erogati:

  •  400 euro per il primo anno;
  •  300 euro per il secondo anno ;
  •  200 euro il terzo anno ;
  •  pari a 100 euro per il quarto anno.