Bonus Inps senza Isee: chi può usufruirne e quando scade la domanda

I possessori di partita Iva possono ancora presentare domanda per ottenere il Bonus senza Isee: i requisiti e la scadenza dei termini.

Nella legge di Bilancio dello scorso anno, il governo ha inserito una serie di misure di sostegno anche per i possessori di partite iva che svolgano lavoro autonomo. Una delle più interessanti riguarda il Bonus Iscro, ovvero un aiuto mensile che va dai 250 agli 800 euro che può essere richiesto senza presentare l’Isee. Si tratta di un aiuto economico previsto per tutti coloro che nel corso dello scorso anno abbiano subito una perdita pari al 50% degli introiti rispetto all’anno precedente.

Va precisato inoltre che tale Bonus può essere riscosso solo da chi fa parte della gestione separata dell’Inps, dunque sono esclusi tutti coloro che sono iscritti ad ordini professionali che hanno una propria cassa di previdenza. La misura è stata approvata in via sperimentale per l’anno corrente, il 2022 ed il 2023. I richiedenti potranno presentare la domanda entro e non oltre il 31 ottobre di ciascun anno e, qualora accettata, riceveranno dai 250 agli 800 euro al mese per 6 mesi.

Leggi anche ->Arriva un nuovo bonus per tutti, clic day: ecco quando e come richiederlo

Bonus Inps senza Isee: chi può richiederlo entro il 31 ottobre

Come già anticipato il bonus è riservato ai lavoratori autonomi in possesso di Partita Iva il cui guadagno sia sceso del 50% nell’ultimo anno e che non sono iscritti ad altre casse previdenziali. Queste, però, non sono le uniche condizioni da soddisfare per poter ottenere il Bonus Inps, ci sono infatti anche ulteriori condizioni da soddisfare.

Leggi anche ->Bonus figli per genitori separati o divorziati: fino a 800 euro per il mantenimento

Chiaramente il richiedente non dev’essere un pensionato né aver ottenuto il reddito di cittadinanza per ovvie ragioni. Inoltre deve aver svolto lavoro autonomo con Partita Iva per almeno 4 anni ed essere in regola con i pagamenti annuali obbligatori. Inoltre il guadagno risultante dalla dichiarazione dei redditi non dovrà essere superiore agli 8.145 euro.

Bonus Terme: quando sarà possibile richiederlo

I possessori di Partita Iva potranno richiedere anche il bonus terme. Si tratta di uno sconto del 100% sui servizi termali scelti, chiaramente solo nelle strutture termali che aderiscono all’iniziativa. I richiedenti potranno approfittare del bonus fino ad un massimo di 200 euro di spesa.

I soggetti interessati potranno richiedere il bonus terme a partire dal prossimo 8 novembre e una volta ottenuto avranno 60 giorni di tempo per utilizzarlo. Nel caso in cui l’utente non dovesse usufruire entro i due mesi del bonus, questo decade e le somme ad esso collegate torneranno a disposizione del fondo.