Meteo, altro che primavera: arriva il peggio dell’inverno, temperature gelide

Previsioni meteo per marzo 2021: arriva ondata di freddo intenso proprio con l’entrata della primavera

Previsioni meteo per marzo 2021: ondata gelida

Febbraio ci aveva illuso. Con le sue giornate calde e il sole che la faceva da padrone ci siamo convinti che l’inverno fosse ormai finito e che la primavera generosa fosse arrivata in anticipo. Ma non è così. Quella di febbraio è stato solo un piccolo assaggio di bella stagione. Le previsioni meteo di marzo parlano chiaro: siamo ancora in pieno inverno.

Della primavera non c’è traccia e anche allungando lo sguardo verso la fine del mese, ovvero quando ufficialmente entra all’equinozio, non si vede. Anzi dovremo fare i conti nei prossimi giorni con una recrudescenza dell’inverno e della sua faccia peggiore fatta di freddo intenso, pioggia e neve sui rilievi.

Leggi anche -> Estate 2021 meteo: sarà estrema. Ecco cosa ci aspetta <<

Meteo prossimi giorni: quando arriva la primavera

Marzo è iniziato con la pioggia su buona parte d’Italia e così sta continuando. Qua e la qualche sprazzo di sole in un contesto però generalmente più rigido dal punto di vista termico e in cui l’Alta Pressione è pressoché assente. L’Italia in questo momento è per lo più interessata dalle correnti atlantiche che portano perturbazioni e fanno scendere le temperature.

Ma quando arriva la primavera? Se si guarda il calendario il 21 marzo dovrebbe entrare, ma consultando le previsioni meteo per i prossimi giorni ci si accorge che non sarà così. Anzi nella seconda metà del mese, proprio quando dovrebbe arrivare la bella stagione, ci sarà un peggioramento delle condizioni meteo.

Arriva il freddo a metà marzo

Intorno al 17 marzo l’Alta Pressione delle Azzorre si muoverà verso il Nord Europa, la Scandinavia, e questo movimento innescherà la discesa verso il Sud dell’aria gelida di provenienza artica. Per un effetto domino dunque l’aria calda spingerà quella più fredda che passerà verso l’Europa dell’Est e poi giungerà nel Mediterraneo.

Questo farà piombare l’Italia in un clima ancora più rigido di quello di questi giorni che potremmo definire tardo autunnale. Invece a metà marzo ci ritroveremo proprio in pieno inverno con temperature abbondantemente sotto lo zero a quota 1000 metri e con lo zero di minima – o anche sotto – in molte città del Nord. Al Centro e al Sud andrà di poco meglio con minime di 3/4 gradi e massime intorno ai 10 gradi. In questo contesto potrebbero verificarsi anche nevicate a quote collinari o perfino in pianura.

Insomma sarà un vero e colpo di coda dell’inverno che ci accompagnerà per la fine del mese. Poi intorno al 25/26 marzo il gelo ci lascerà e vedremo piano piano le temperature tornare su valori in linea con il periodo e finalmente potrà scoppiare la primavera. Ma saremo ormai arrivati ad Aprile.