Uomini e Donne 2007, era il tronista più bello: oggi a 40 anni è così

È ricordato per essere uno dei protagonisti più belli di Uomini e Donne. Correva l’anno 2009, è passato tempo, ma lui è sempre più affascinante.

Uomini e Donne: Giorgio Alfieri, un tronista che ha fatto la storia del dating show più famoso di Canale 5.

Giorgio Alfieri, è giovanissimo quando approda negli studi di Maria De Filippi. E’ un calciatore ambizioso, tenace e molto competitivo.La  sua bravura in ambito calcistico e la sua determinazione, lo portano ad entrare nel cast di Campioni – Il sogno. In poco tempo, diventa l’idolo dei ragazzi che come lui, sognano il mondo del calcio.

Quando arriva ad Uomini e Donne, Giorgio è bellissimo, e non solo. La sua travolgente simpatia conquista i telespettatori del programma. Il tronista, si innamora di una corteggiatrice che diventa la sua compagna per molti anni. Il suo nome è Martina e insieme, sono una delle coppie più più amate del dating show, condotto da Maria De Filippi.

Dal loro amore nasce Asia, ma i due dopo anni di vita passata insieme decidono di dirsi addio. In seguito alla separazione dalla sua compagna, Giorgio ha affrontato diverse difficoltà, il suo papà si è ammalato, il suo lavoro da aiuto regista termina. A distanza di qualche anno, la sua vita ha ripreso a scorrere serenamente, gestisce una sua attività di articoli da collezione e di antiquariato.

Giorgio Alfieri: i debiti e le difficoltà passate

Giorgio Alfieri durante un’ intervista, ospite da Caterina Balivo ha raccontato: ”Tutto è cambiato quando la casa si è svuotata, non c’era più mia figlia e io l’ho presa veramente male. Vedere la casa senza la mia famiglia mi aveva destabilizzato. Dopo la separazione con Martina Luciani, mi sono trovato in una situazione più grande di me.”

Leggi anche —-> Sabrina Salerno tacchi a spillo in piscina: lo scatto bomba, lato b perfetto

Leggi anche —-> Amadeus, ex moglie Marisa: chi c’era prima di Giovanna Civitillo

“Ho iniziato a lavorare con il regista Roberto Cenci e ho avuto una brutta sorpresa: non potevo più essere pagato perché i soldi dovevano essere usati per pagare i debiti. Sono stato gestito male. I soldi secondo me vanno fatti piano piano, a un ragazzo di 23 anni certe cifre non dovrebbero essere date”.