Adriano Celentano tuona contro il Governo: “Cari 5 stelle, Pd, Renzi, Salvini, Meloni e Berlusconi, cosa aspettate?” VIDEO

Adriano Celentano torna su Instagram con un nuovo video, e nuove accuse. Questa volta verso il Governo. Ecco le sue parole.

Il video di Adriano Celentano

Un lungo video, pubblicato sul suo account Instagram ufficiale, che ha mandato in visibilio i suoi tantissimi fans. Il social è ormai il suo grande megafono, dove liberare i suoi graffianti e provocatori racconti. Adriano Celentano è tornato tramite il suo account – celentanononesiste – e si è scagliato contro il Governo guidato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Nelle scorse settimane, parlando dell’attuale pandemia, Celentano aveva parlato dei tagli e della corruzione nella pubblica amministrazione, specie nel mondo della salute pubblica, che non hanno fatto altro che favorire l’esplosione del Covid.

Il video inizia con le immagini – la musica in sottofondo accompagna tutto il resto del racconto – con il singolo Prisencolinensinainciusol. Questa volta Adriano Celentano ha parlato di Patrick Zaki, ragazzo egiziano, studente presso l’Università di Bologna, arrestato lo scorso 20 febbraio 2020 a Il Cairo. Da allora Zaki è detenuto per accuse, ritenute dalla comunità internazionale, infondate. Dopo gli appelli di diverse personalità anche Adriano Celentano ha accusato il Governo di immobilismo. Accuse che ritornano, dal momento che l’immobilismo permane anche sul caso Giulio Regeni

Leggi anche —>  Anna Falchi e l’addio a Fiorello: “L’ho trovato a letto con…”

Leggi anche —>  “Gambe amputate dopo il covid”, chi è l’ex calciatore Mauro Bellugi

Le accuse di Celentano

Adriano Celentano nel video, mostra, una prima pagina di Repubblica dal titolo: Altri 45 giorni di cella per Zaki: Paura per la sua salute”. Commenta il grande artista: “E paura anche per il Governo italiano che continua a tacere. Cari 5 stelle, Pd, Renzi, Salvini, Meloni e Berlusconi. Cosa aspettate a chiudere i ponti con questo Paese che, come l’Egitto, non hanno alcun rispetto per i diritti umani”.

Conclude Celentano: Ancora non vi sono bastate le atrocità egiziane subite dal giovane ricercatore italiano Giulio Regeni? Forse non avete ancora capito il virus si nutre di ingiustizie. E non vi accorgete che ci sta parlando. Ci sta parlando”.