Alex Zanardi è tornato a parlare: “Nessuno ci credeva”

Incoraggianti dichiarazioni sulle condizioni di salute del grande campione Alex Zanardi. Ecco tutte le ultime notizie. 

Le ultime notizie su Alex Zanardi

Migliorano le condizioni di salute del campione Alex Zanardi. La notizia, che ha fatto il giro del mondo e fatto esultare e sperare i tantissimi sostenitori di Zanardi, è arrivata dall’Ospedale San Raffaele di Milano. A comunicarla, in un’intervista rilasciata a Il Corriere della Sera, è stata la dottoressa Federica Alemanno , che da diversi mesi segue il grande campione. Zanardi, 54 anni, ha avuto un terribile incidente il 19 giugno del 2020, mentre si trovava in headbike, a Pienza, in Toscana. Dopo un mese di coma farmacologico e tre operazioni, viene trasferito in terapia intensiva a fine luglio a Milano.

Ha spiegato Alemanno: È stata una grande emozione, nessuno ci credeva. Lui c’era! E ha comunicato con la sua famiglia”. Già a novembre scorso, in un comunicato diramato dal San Raffaele, è stato comunicato che Zanardi aveva raggiunto una: “Condizione fisica e neurologica di generale stabilità”. Ora il grande annuncio che sembra certificare il continuo miglioramento delle sue condizioni di salute. 

Leggi anche —>  Gaia Gozzi, sapete con chi è fidanzata? Noto produttore musicale

Leggi anche —>  Pier Silvio Berlusconi: età, lavoro, figli, ex compagna, Toffanin, patrimonio

La dottoressa Alemanno: “Zanardi sottoposto alla chirurgia da svegli”

Nell’intervista la neurologa Alemanno ha spiegato che Alex Zanardi è stato sottoposto alla cosiddetta chirurgia da svegli. Ha raccontato la dottoressa: È una tecnica molto particolare che si fa in pochissimi centri in Italia. Ha come obiettivo di garantire al paziente la migliore qualità di vita possibile dopo un inevitabile intervento chirurgico. Viene utilizzato in casi particolari, soprattutto in pazienti giovani, compresi tra i 30 ed i 50 anni. E con due tipi di malattia: i gliomi cosiddetti a basso grado ei cavernomi “.

Continua Alemanno: “La loro presenza in certe aree, può compromettere alcune importanti attività cerebrali. Ad esempio la memoria, la parola e l’attenzione. Stesso discorso per i cavernomi. Sono malattie piuttosto rare”. Oggi Zanardi si trova presso l’Ospedale di Padova, molto più vicino a casa. Una nuova terribile sfida dunque lo attende, ma il grande campione ha innumerevoli volte dimostrato la sua grande tenacia. Quella tenacia di cui ha parlato la stessa dottoressa: Tenendogli la mano giorno per giorno sono rimasta sorpresa dalla sua capacità di recupero”.