Facebook vieta pubblicità no vax

Zuckenberg ha annunciato che su Facebook saranno vietate pubblicità no-vax

Chi vuole fare un post sponsorizzato su Facebook contro i vaccini non potrà più farlo. Facebook da oggi infatti vieta le inserzioni che scoraggino l’uso dei vaccini. D’altronde in un momento di emergenza sanitaria dare voce e spazio a posizioni estremiste e pericolose per la salute è un azzardo.

facebook
Facebook contro i no-vax

“Mentre gli esperti sanitari sono d’accordo sul fatto che non avremo per diverso tempo un vaccino per la Covid-19, ci sono delle misure disponibili per restare in salute e stare sicuri” ha dichiarato Facebook in una nota.

Pagine No Vax su Facebook

La Scienza e la medicina non sono fatte di opinioni, ma di esperimenti e analisi. Dunque chi invita a non vaccinarsi non troverà spazio su Facebook per pubblicizzare le sue idee. Il provvedimento riguarda infatti solo i post sponsorizzati, mentre per le pagine di promozione anti-vaccinale non è previsto nessun provvedimento a priori.

Da tempo si chiede a Facebook un atteggiamento più rigoroso verso pagine anti-vacciniste, ma anche contro pagine che inneggiano al fascismo e al nazismo, o negazioniste. Il sistema di segnalazione delle pagine volto proprio a contrastare fenomeni come questi si rivela spesso inefficace. Nell’eventualità che una pagina venga chiusa, i gruppo si organizzano velocemente e ne aprono altre dieci. Così è una guerra persa in partenza.

La mossa del social media per eccellenza arriva poi in un momento particolare. Nel mondo le proteste mo mask e no vax infiammano il dibattito pubblico, facendo serpeggiare intolleranza verso regole e misure di salvaguardia della salute pubblica.

Ci sarà indubbiamente chi, per amor di polemica o per limiti di conoscenza o altro, di fronte a una posizione netta come questa di Facebook invocherà la libertà di espressione accusando Facebook di censura e fascismo. E’ bene ricordare che non bisogna mai confondere la libertà di espressione con la libertà di dire fandonie. Tanto meno quando di mezzo c’è la salute.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.