Risparmio energetico, lavatrici a meno carico e 1 grado in meno in casa: cosa prevede il piano del governo

Il governo starebbe attuando un piano per ridurre il consumo energetico nelle case degli italiani: ecco cosa bisognerebbe fare nel periodo invernale!

Questo progetto è stato messo in atto per evitare che la Russia decide di eliminare i flussi di gas verso l’Italia. Dato che potrebbe esserci questo rischio, è quindi bene – come dichiarato dal Governo – iniziare a ridurre i consumi dal punto di vista energetico. Il ministro per la Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ha dunque pubblicato il piano nazionale di contenimento gas mediante un decreto che potrebbe essere attuato già entro fine settembre.

Si potrebbero – in questo modo – ridurre i consumi degli impianti di riscaldamento nelle case, negli uffici e nei locali commerciali italiani.

Il piano del Governo sul risparmio energetico

Sono state fissate alcune normative utili a ridurre il consumo energetico nelle proprie abitazioni. Ecco quello che si dovrebbe fare:

  • ridurre la temperatura e la durata delle docce;
  • ridurre l’utilizzo delle pompe di calore elettriche;
  • abbassare il fuoco dopo l’ebollizione;
  • ridurre il tempo di accensione del forno;
  • ridurre l’utilizzo di lavastoviglie e lavatrici a pieno carico;
  • staccare la spina di alimentazione della lavatrice quando non è in funzione;
  • spegnere o inserire la funzione a basso consumo del frigorifero quando si è in vacanza;
  • non lasciare in stand by la TV, il decoder o il DVD;
  • ridurre le ore di accensione delle lampadine.

Con il piano riscaldamento 2022 del Ministero della transizione ecologica, entra quindi in atto un vero e proprio risparmio gas ed energia utile ad impennare il prezzo del gas naturale. Queste normative potranno dunque ridurre i consumi almeno per il prossimo autunno e inverno, e fare in modo che accadono le seguenti indicazioni:

  • ridurre i rischi legati a un’interruzione dei flussi della Russia durante il prossimo inverno;
  • ridurre la pressione sugli stoccaggi;
  • far diminuire i prezzi del gas e l’importo delle bollette;
  • insegnare ai cittadini un consumo dell’energia più consapevole;
  • far diminuire il riscaldamento in case e uffici;
  • avere termosifoni più freddi;
  • attuare campagne pubblicitarie ai cittadini per ridurre i consumi;
  • aumentare la produzione di energia da olio combustibile e carbone.

Questi sono i punti che sono stati messi in atto dal nuovo piano del Governo.