Enzo Iacchetti si racconta e annuncia il grande ritorno su Canale 5


Il famoso conduttore Enzo Iacchetti svela alcuni aneddoti della sua vita in occasione dei suoi primi 70 anni. Ecco cosa ha detto l’ex mezzo busto di Striscia la notizia.

Nella ricorrenza dei suoi 70 anni, Enzo Iacchetti concede un’intervista al Corriere della Sera e si racconta a tutto tondo proprio partendo da un aneddoto. E cioè dal fatto che licenziandosi da un’agenzia di viaggi poté cominciare la sua carriera nel mondo dello spettacolo, esibendosi al Derby di Milano.
Poi prosegue parlando della esilarante parabola di Striscia la notizia e del suo fantastico rapporto con l’amico e collega Ezio Greggio.

“Siamo una coppia di fatto e, giuro, non abbiamo mai litigato. Entrambi abbiamo un notevole senso dell’ironia e godiamo reciproca stima. Fare satira non è sempre facile …” – commenta compiaciuto al Corriere Iacchetti, che poi svela anche alcune “grane” rimediate dietro al bancone del tg satirico di Canale 5. Il riferimento è naturalmente alle querele fioccate come la neve:

“Come conduttore credo di averne ricevute almeno una decina. Antonio Ricci, più di cento. Per non parlare dei tapiri sbattuti in testa la povero Staffelli! Riprenderemo a fine anno, ma io farò solo due o tre mesi, perché ho la mia tournée teatrale cui non rinuncio”.

Il duo Greggio – Iacchetti è uno dei più preferiti di Antonio Ricci, il quale non nasconde nemmeno il suo debole per la coppia Gerry Scotti – Michelle Hunziker. Attraverso la collaudata trovata delle staffette, l’ideatore di Striscia riesce a dare spazio ad entrambi i tandem e ancora a diversi altri.

Enzo Iacchetti: un successo oltre la tv

Non solo televisione per Enzo Iacchetti, il quale nel corso dell’intervista ammette di patire molto due grandi passioni: la musica e il teatro. L’artista si sofferma pure sul ricordo del suo maestro, Giorgio Gaber, e sul sogno ormai tramontato di calcare il palcoscenico dell’Ariston. Nel farlo ci mette molta ironia:
“Io canto bene e ho tentato tante volte di propormi, ma sono stato sempre bocciato. E ora dico ad Amadeus: stai tranquillo, ho deciso di non provarci più”.


E poi, sul suo futuro, Iacchetti dimostra di avere ancora tanti sogni nel cassetto, e tra il serio e il faceto commenta:
“Vorrei che mi offrissero un ruolo da serial killer: faccio sempre il bonaccione, mi piacerebbe fare il cattivo. E non vorrei più avere paura della vita. Forse ne vedo il traguardo vicino” –  conclude il mattatore televisivo, in procinto di compiere 70 anni il prossimo 31 agosto.