Barbara D’Urso omaggia Willie Peyote, il rapper risponde: “Non ha capito la canzone”

Un incredibile botta e risposta al cantante Willie Peyote e la conduttrice Barbara D’Urso . Tutto nasce dal testo della canzone che il rapper ha portato al Festival di Sanremo 2021. Ecco cosa è successo.

Il post di Barbara D’Urso

Il cantante Willie Peyote , al suo debutto al Festival di Sanremo 2021 , è classificato sesto. Con il brano Mai dire mai – La locura , il rapper torinese si è aggiudicato il Premio Mia Martini della critica. Il cantante però, si è reso protagonista anche di un siparietto con la conduttrice Mediaset Barbara D’Urso. Nel corso della finale del Festival di Sanremo 2021, D’Urso profilo ha condiviso una stories sul suo Instagram ufficiale. In questa stories, la conduttrice, ha scritto: “Schiavi del Live” , taggando il cantante Willie Peyote e la sua trasmissione, ovvero Live – Non è la D’Urso. 

Ma il testo, in questo caso il ritornello, in questione di Willie Peyote recita: “Siamo giovani affamati, siamo schiavi dell’hype. Non si vendono più i dischi tanto c’è Spotify”. Non è chiaro se Barbara D’Urso abbia davvero confuso il testo oppure, bonariamente, lo abbia utilizzato per farsi pubblicità. Ad ogni modo i social hanno subito notato quello che apparentemente è uno scivolone e la risposta di Willie Peyote non si è fatta attendere.

Leggi anche —–>  Adriano Celentano a gamba tesa su Amadeus e Fiorello: le parole del Molleggiato

Leggi anche —–>  “Siete tornati insieme?”, Ambra Angiolini e la risposta spiazzante sul suo ex marito Francesco Renga

La risposta di Willie Peyote

Nel corso della conferenza stampa post finale del Festival di Sanremo 2021, Willie Peyote ha replicato: Ieri ho visto la D’Urso che condivideva la mia performance. Quindi sono consapevole che non l’abbiano capito il pezzo, questo mi pare evidente . Ma va bene così in realtà “. E ancora: “F a comunque ridere,  il gioco era un corto circuito, se uno viene e si prende in giro è normale che poi qualcuno capisca e qualcun altro no e va bene così”.

Ha concluso il rapper: “Cosa capiscono gli altri non è così importante, quando pubblichi un pezzo diventa degli altri. E ognuno capisce quello che vuole e va bene così fondamentalmente”.