Elodie, quanto avrebbe guadagnato al Festival di Sanremo

Ha incantato tutti nella seconda serata del Festival di Sanremo 2021. Ma a quanto ammonterebbe il cachet di Elodie all’Ariston?

Elodie al Festival di Sanremo 2021

Lei è stata la grande protagonista della seconda serata del Festival di Sanremo 2021, fortemente voluta dal direttore artistico e conduttore della kermesse Amadeus. Elodie ha incantato tutti sul palco dell’Ariston. Outfit sempre diversi, performance di grande livello che hanno accesso la serate. Ma a quanto ammonta il cachet di Elodie? Cifre ufficiale non ci sono, dal momento che Viale Mazzini non ha fornito notizie in tal senso. Ma secondo le indiscrezioni che circolano in questi giorni ci sarebbero due cifre diverse a seconda, chiaramente, del numero delle serate a cui si è partecipato. 

Per Elodie e gli altri ospiti per una sola serata, come ad esempio Matilda De Angelis che l’ha preceduta, la cifra ammonterebbe a circa 25mila euro. Per gli ospiti fissi, come Zlatan Ibrahimovic e Fiorello, la cifra sarebbe di circa 50 mila euro. Somme che potrebbero ricevere significativi rialzi a seconda delle performance sul palco dell’Ariston.

Leggi anche —–> Stefania Orlando, avete mai visto dove vive? Casa chic nel cuore di Roma

Leggi anche —–> Kikò Nalli tuona sull’ex moglie Tina Cipollari: “Non può mettere becco sulla mia vita privata”

Il monologo sul palco dell’Ariston

Oltre ad incantare con la sua voce, Elodie ha conquistato il grande pubblico con un lungo monologo legato alla sua vita privata. La cantante romana ha faticato a trattenere le lacrime. Ha raccontato: Vengo da un quartiere periferico, realtà onesta ma anche demoralizzata. La forza di sognare, del coraggio di sognare, ho sempre avuto questo sogno di cantare ma non mi sentivo all’altezza. Non ho finito il liceo, non ho preso il diploma, non ho studiato canto ed ho sbagliato, però è difficile focalizzarsi su quello che vuoi fare da grande. una possibilità nella vita”.

La cantante ha in seguito presentato Mauro Tre, che ha ringraziato pubblicamente: A vent’anni avevo deciso che per me la musica era già finita. Ma sono stata molto fortunata, perché ho fatto un incontro fortunatissimo. Mi hai fatto amare il jazz, mi hai insegnato che non bisogna sempre sentirsi all’altezza delle cose, l’importante è farle. Essere all’altezza è un punto di vista e non un problema”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.