La storia dei Ricchi e Poveri, perché si sono separati

Successi famosi ancora oggi e un nome che ha attraversato decenni di musica italiana. I Ricchi e Poveri sono amatissimi dal grande pubblico, la loro storia: dai successi alla reunion. Ecco perché si sciolsero.

La band dei Ricchi e Poveri 

Uno dei gruppi più famosi della storia della musica nostrana, canzoni che hanno attraversato generazioni di italiani. Loro sono i Ricchi e Poveri e sono amatissimi dal grande pubblico. Da La prima cosa bella a Che sarà, passando per Se m’innamoro, i loro brani possono essere ancora trovati nelle hit delle piattaforme musicali. La band è composta da Angela Brambati, Marina Occhiena, Franco Gatti e Angelo Sotgiu è tornata sul palco in occasione della seconda serata del Festival di Sanremo 2020. In quell’occasione, riuscirono a far ballare il Teatro Ariston a colpi di hit.

Ma perché un gruppo così amato si sciolse? Era il 1981 e Marina Occhiena si allontanò dal gruppo, sancendo di fatto la fine del quartetto, a seguito di uno scandalo. Occhiena, infatti, ebbe una storia con Marcellino Brocherel, all’epoca compagna dell’altra componente del gruppo, Angela Brambati. Fu un flirt che riempì le copertine gossip di quegli anni. Secondo la ricostruzione dei fatti di allora, Occhiena venne convinta dall’agente del gruppo a lasciare dietro una buonuscita di 20 milioni di vecchie lire. Una cifra molto alta, segno della fama del gruppo.

Leggi anche —–> Penny di Che Dio ci aiuti: chi è la piccola attrice della serie

Leggi anche —–> Giorgio Panariello, conoscete la compagna? Bellissima modella

La reunion al Festival di Sanremo 2020

In tre hanno portato in alto in nome della band, fino al Sanremo dei quell’anno, dove presentarono quello che forse è ancora il loro brano più famoso, Sarà perché ti amo. Nel marzo scorso, inoltre, è uscito un doppio album con la raccolta dei loro grandi successi. Nel giorno della reunion, Franco Gatti aveva spiegato: “Qui facciamo parte dell’arredamento”.

E ancora:Eravamo un gruppo di ragazzotti, poi la vita ci ha separato. Ma ora siamo qui, siamo partiti in quattro, e stiamo tornando in quattro è inutile che Fiorello si voglia inserire. L’amicizia è uno dei pochi valori che ci rimane in questa Italia un po’ sgangherata”. E Angela Brambati ha chiosato: “C’è la gioia di ritrovarci insieme”.