Simona Ventura cambia look: perfetta con il nuovo colore di capelli

Super Simo sta per tornare e per inaugurare una nuova stagione della sua vita ha pensato di darci un taglio. Eccola splendida con il nuovo look. Scorri nell’articolo per vedere la foto.

Simona Ventura: grinta e professionalità fanno di lei un’eterne vincente

La bellissima conduttrice televisiva Simona Ventura, ha alle spalle una lunga gavetta che l’ha poi consacrata come una dei personaggi dello spettacolo italiano più amati di sempre. Simona con la sua positività ed esuberanza ha sempre goduto dell’affetto smisurato del pubblico del piccolo schermo. Di lei, il popolo nostrano ha sempre acclamato anche i suoi outfit estrosi e spesso eccentrici, rappresentativi di una personalità vulcanica.

Super Simo oltre ad essere un pilastro della televisione è anche una stella dei social. La bella e brava conduttrice aggiorna i suoi followers circa tutte le novità che la riguardano. In questo scatto postato sul suo profilo Instagram, possiamo notare un cambiamento nel look. Bellissima con il suo taglio corto, sfilato e con riga laterale. 

Simona Ventura: “Al momento la tv non ha bisogno del web…”

Nel corso di una lunga intervista per il Corriere Della Sera Simona Ventura ha raccontato della sua vita. Le è stato chiesto cosa pensasse del web e dei nuovi “vip” lanciati dal mondo virtuale. “Oggi le star arrivano del web”-dice il giornalista.

Leggi anche —->  Lino Guanciale, avete mai visto la moglie? Figlia di un politico

Leggi anche —->  Veronica Ursida operata | Preoccupazione per la donna di Uomini e Donne | video

“Vero, la vera dittatura, nel mondo, è quella digitale. Ma è vero anche che se un televisivo tendenzialmente ha un suo seguito anche sui social, la maggior parte degli influencer non sono in grado di lavorare in tv. Al momento la tv non ha bisogno del web. Per me i social sono un po’ una pagina di un giornale: ogni giorno faccio il mio. Ma saper stare in video è un’altra cosa. Il conduttore, anche se messo ai limiti, se sa fare il suo mestiere è ancora molto importante, anche quando si vuole pensare che uno vale uno”.