Un Medico in Famiglia, “Maria” svolta sexy dell’attrice: com’è diventata

Impossibile dimenticare il suo volto angelico in “Un medico in famiglia”. La dottoressa Maria Martini, ovvero Margot Sikabonyi, sa anche essere molto sexy.

Margot Sikabonyi di un medico in famiglia
Margot Sikabonyi (Getty Images)

E’ stato uno dei personaggi protagonisti più amati e presenti delle puntate della storica serie di “Un medico in famiglia“. Da giovane liceale perennemente innamorata e piena di entusiasmo per la vita, in compagnia della sua fedele amica Debby, Maria Martini è sbocciata fino a diventare una meravigliosa donna e una dottoressa in gamba come suo padre, Lele Martini interpretato da Giulio Scarpati.

Margot Sikabonyi, all’anagrafe Laura Marguerite Sikabonyi, oggi ha 38 anni, un matrimonio, due figli e una vita realizzata, costellata da successi lavorativi oltre che personali. E’ molto seguita dai suoi fan, che la ammirano per la sua bellezza acqua e sapone, caratteristica distintiva che si porta dietro dal personaggio di Maria. Saranno anche i lineamenti delicati del suo volto, i colori chiari e internazionali, grazie alla mamma canadese e al papà ungherese.

Il lato sexy della dottoressa di Un Medico in famiglia

Margot Sikabonyi su Instagram
Margot Sikabonyi su Instagram

Dalla dottoressa innamorata del suo Guido, interpretato da Pietro Sermonti, Margot Sikabonyi mostra sui suoi canali social un volto più sexy e accattivante ai fan. Tra gallerie di foto di una passeggiata in mezzo alla natura, o mentre è intenta a suonare uno strumento musicale, a praticare lo yoga e la meditazione, o a cucinare qualche buona ricetta, spunta un selfie scattato nella romantica Venezia con un’espressione penetrante e profonda.

LEGGI ANCHE >>> Ambra Angiolini pazzesca in tenuta sportiva: leggins e top aderenti per l’attrice

Immancabili gli apprezzamenti dei suoi followers, tra like e messaggi affettuosi in cui gli utenti di Instagram commentano sottolineando la bellezza dell’attrice. La quale condivide una frase del filosofo e poeta statunitense Henry David Thoreau: “Il problema non è quello che guardiamo, ma quello che vediamo“.