Sentenza Juventus-Napoli, respinto in appello il ricorso di De Laurentiis

La corte d’appello ha respinto il ricorso di De Laurentis sulla decisione del giudice sportivo riguardo Juventus-Napoli.

Websource – Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis

Lo scorso 4 ottobre, il Napoli di Gattuso era atteso allo Juventus Stadium per il primo big match del suo campionato. In quel momento il Napoli arrivava da un risultato molto favorevole e, a differenze dei bianconeri, era apparso in ottima forma prima dell’incontro. Dal punto di vista sportivo, dunque, per i partenopei una vittoria in uno scontro diretto contro i campioni d’Italia in carica avrebbe rappresentato una spinta ulteriore.

Leggi anche ->Caos Tamponi, Immobile risponde alle polemiche: “Rispetto i protocolli”

In quei giorni, però, l’epidemia di Coronavirus aveva ripreso a correre, soprattutto in Campania. Inoltre nelle file del Napoli era stata riscontrata la positività di Elmas e Zielinski. Proprio la positività dei due calciatori ed il rischio che altri potessero esserlo, ha portato l’Asl 2 di Napoli ad impedire il viaggio verso Torino della squadra allenata da Gattuso. Insomma è stata l’autorità sanitaria provinciale ad impedire agli azzurri di disputare l’incontro. Anche se già prima di quella decisione, la società campana aveva provato a far rinviare l’incontro.

Leggi anche ->Emergenza Covid: 5 regioni nella zona arancione

La decisione della Lega e la battaglia legale per la sconfitta a tavolino

Il Napoli ha cercato di ottenere dalla Lega Calcio il posticipo dell’incontro. Tuttavia, il tentativo non è andato a buon fine, poiché da regolamento non c’era alcuna motivazione valida per richiederlo o per sospendere l’incontro. Per giorni si è atteso il verdetto del giudice sportivo, il quale, alla fine, ha confermato la sanzione per il Napoli: sconfitta a tavolino per 3-0 e un punto di penalizzazione.

Il patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis, non ha accettato il verdetto, ritenendo la punizione ingiusta. Per il numero uno del Napoli, infatti, era ingiusto punire la squadra per una decisione presa dall’Asl. Così è stato presentato un ricorso alla corte d’appello. Ricorso, però, che il tribunale ha respinto confermando la sentenza del giudice sportivo.

La sentenza Juventus-Napoli

Ecco cosa si legge nel comunicato della corte d’appello:

“La Società ricorrente merita di essere sanzionata con la sconfitta a tavolino dell’incontro JUVENTUS-NAPOLI, previsto per il giorno 4.10.2020, oltre alla penalizzazione di un punto in classifica da scontarsi nella corrente stagione sportiva, perché, contrariamente a quanto sostenuto in ricorso, non si è trovata affatto nella impossibilità oggettiva di disputare il predetto incontro, avendo, invece, indirizzato, in modo volontario e preordinato, la propria condotta nei giorni antecedenti all’incontro nel senso di non disputare lo stesso, con palese violazione dei fondamentali principi sui quali si basa l’ordinamento sportivo, ovvero la lealtà, la correttezza e la probità”.

Juventus Stadium vuoto