Morte Stefano D’Orazio, il dolore della moglie: “Ho perso una parte di me”

La moglie di Stefano D’Orazio, il batterista di Pooh morto oggi a causa del Covid, ha condiviso tutto il suo dolore per la perdita.

(websource)

Questa prima settimana di novembre si conclude con la triste notizia della scomparsa di Stefano D’Orazio, lo storico batterista dei Pooh. Solo questa mattina abbiamo scoperto che il musicista aveva contratto il Coronavirus e che da circa una settimana si trovava ricoverato in ospedale. Nella giornata di ieri le sue condizioni di salute sembravano essere migliorate, ma poi improvvisamente un peggioramento ne ha causato la morte.

Leggi anche ->Chi era Stefano D’Orazio: la moglie, il successo e le canzoni

La tragica notizia della morte dell’artista è stata accompagnata in queste ore dai messaggi di cordoglio dei suoi amici e colleghi dei Pooh, da quello straziante di Barbara D’Urso (sua testimone di nozze) da quelli commossi e commoventi di Emanuela Folliero e Carlo Conti. I protagonisti del mondo dello spettacolo, amici di Stefano da una vita, sono rimasti sconvolti per la sua improvvisa dipartita, un dolore che li cambierà per sempre.

Leggi anche ->Morto di Covid Stefano D’Orazio, il batterista dei Pooh

Morte Stefano D’Orazio, il dolore della moglie

Chi sta soffrendo di più in queste ore è sicuramente la moglie, Tiziana Giardoni. La donna si è sfogata in questo modo: “Ho perso una parte di me stessa, Stefano era la mia forza, il mio sorriso, mi mancherà tutto di lui”. La famiglia ha invece spiegato che Stefano non si trovava in ospedale a causa del Covid, ma di una patologia di cui soffriva da tempo e che grazie alle cure ricevute stava guarendo.

A complicare tutto, però, è stato proprio il Coronavirus: “Stefano era in via di guarigione da una patologia che stava curando da circa un anno e al lavoro su alcuni progetti che gli stavano molto a cuore, quando è risultato positivo al Covid che ha compromesso irrimediabilmente il suo stato di salute”.

d'orazio
Stefano D’Orazio, morto di Covid

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.