Covid, peggiorano le condizioni del Cardinale Bassetti: trasferito in terapia intensiva

Ricoverato lo scorso 31 ottobre a causa dei sintomi del Covid-19, il Cardinale Bassetti è stato trasferito questa notte in terapia intensiva.

Websource

Sabato 31 ottobre, la Cei (Conferenza episcopale italiana) aveva avvertito la stampa ed i fedeli che il presidente Gualtiero Bassetti era stato ricoverato al centro Medicina d’Urgenza Covid-1 dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. Il ricovero dell’arcivescovo si era reso necessario in seguito al peggioramento dei sintomi legati alla contrazione del Covid-19.

Leggi anche ->Alessandro Cattelan ha preso il coronavirus

Sono passati solo due giorni dal ricovero, prima che i parametri vitali del Cardinale peggiorassero al punto da costringere l’equipe medica a trasferirlo nel reparto di Terapia Intensiva 2. Il trasferimento è avvenuto nella notte tra il 2 ed il 3 novembre ed è stato comunicato dalla stessa Cei nelle scorse ore. Nella nota della Conferenza episcopale si legge in ogni caso che: “Il Cardinale è vigile e collaborante”.

Leggi anche ->Maradona ricoverato: paura per il pibe de oro

Il messaggio di vicinanza della Cei al Cardinale Bassetti

Per avere ulteriori dettagli sulle condizioni di salute del presidente della Cei bisognerà attendere le prossime ore. La struttura ospedaliera di Perugia nella quale si trova ricoverato, infatti, provvederà alla diffusione di un bollettino medico nel corso della giornata di oggi. Nel frattempo Il Consiglio Episcopale permanente si è riunito in seduta straordinaria in video conferenza proprio in seguito al peggioramento delle condizioni di salute dell’Arcivescovo di Perugia.

La Cei comunica che tutti i vescovi accompagnano il Presidente con vicinanza, affetto e preghiera. Nella nota si legge inoltre: “I vescovi assicurano il sostegno per Lui e per tutti gli ammalati e ringraziano i medici, gli operatori sanitari e quanti si prendono cura dei sofferenti. Il conforto e la presenza dello Spirito Santo sostengano quanti oggi sono duramente provati dalla malattia. Il Signore Risorto non farà mancare la sua rassicurante presenza”.

Websource

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.