Striscia La Notizia, che fine fanno i cani del tg satirico?

Li vediamo spesso sul bancone di Striscia la Notizia, al fianco di conduttori e veline. Ma come si selezionano i cuccioli, e come vengono poi adottati, del tg satirico? Ecco tutto quello che c’è da sapere.

I cuccioli che vediamo a Striscia la Notizia 

Un programma che ha fatto la storia della televisione italiana e, ancora oggi, nel panorama del piccolo schermo, non ha eguali. Oggi parliamo della trasmissione più longeva della tv nostrana, che ha debuttato nel lontano 7 novembre del 1988, ovvero Striscia la Notizia. Creato e diretto da Antonio Ricci, negli anni, abbiamo visto dietro all’ambito bancone blu tantissimi conduttori. Per non parlare delle veline o degli inviati che nel tempo si sono susseguiti, fino ad arrivare al personaggio del Gabibbo. Dal 1993, però, il tg satirico di Canale 5, si è impegnato attivamente per le campagne di adozione di cuccioli. Oltre alle campagne di sensibilizzazione o per la raccolta fondi, alcuni cuccioli sono stati ospiti in studio. Ma che fine hanno fatto i protagonisti a quattro zampe del programma di queste ultime stagioni?

Il primo cuccioli che abbiamo visto in televisione è stato il Generale Canino, nel ’93. In tutto sono stati 31 i cani che si sono succeduti sul bancone più noto del piccolo schermo italiano. Tutti questi sono stati adottati. Striscia la Notizia, ha spiegato che esiste una persona dello staff del programma che prende contatti con diversi canili in Italia. Viene poi selezionato un cucciolo da presentare in televisione, mentre – ovviamente – il canile in questione viene pubblicizzato in toto su Canale 5. Per tutta la sua permanenza in trasmissione – da un minimo di due settimane a qualche mese – il cucciolo è affidato alle cure di un addestratore professionista. Come avviene l’adozione? La richiesta perviene direttamente ai canali ufficiali del programma, che mette a disposizione un email dedicata.

Leggi anche —–> Gianluigi Nuzzi e la cicatrice che ha sul volto: cosa è successo al giornalista di Quarto Grado

Leggi anche —–> Rosalinda Cannavò e Andrea Zenga confessioni hot: svelano le loro posizioni preferite

Alcuni dei cuccioli protagonisti delle stagioni recenti

Dicevamo, tutti i cuccioli, negli anni, sono stati adottati. Ricordate, ad esempio, Imu? Era il 2015, e Imu raggiunse il programma dopo essere stata trovata nei pressi di un fiume in provincia di Benevento. Oggi vive con una famiglia amorevole. Come del resto Susi e Leopolda, arrivati negli studi di Cologno Monzese tra fine 2015 e inizio del 2016.

Hanno trovato una famiglia anche Nebbia, Castagna e Donald. E lo stesso Nebbia, divenuto mascotte delle puntate condotte da Ficarra e Picone, nel 2012.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.