Sandra Milo finge un malore dopo il vaccino: Geppi Cucciari si infuria

L’attrice Sandra Milo, in collegamento a Un Giorno da Pecora, ha voluto fare un terribile scherzo ai conduttori Geppi Cucciari e Giorgio Lauro. Ecco cosa è successo.

Lo scherzo di Sandra Milo

Lei è una delle più grandi attrici, e conduttrice, del panorama nostrano. Ad 88 anni Sandra Milo, ha messo nel sacco i conduttore de Un Giorno da Pecora, seguitissimo programma su Rai Radio1. Ma cosa è successo? I presentatori Geppi Cucciari e Giorgio Lauro, si sono collegati con l’attrice per parlare di vaccini. Milo, infatti, ha da poco ricevuto la seconda dose del vaccino anti-Covid. I conduttori hanno chiesto quali fossero le sue condizioni di salute e di raccontare la sua esperienza. Ma Sandra Milo ha mandato entrambi nel panico, recitando in maniera davvero realistica: “Sto abbastanza bene. Un po’ mi batte il cuore più velocemente, però dai…”, ha esordito.

E ancora: “Oddio, forse non sto bene, oh cavolo, cosa succede, non respiro, aiuto!”. Geppi Cucciari e Giorgio Lauro sono rimasti pietrificati, e Sandra Milo, rincarando la dose, ha finto addirittura uno svenimento. A quel punto Lauro si è rivolto direttamente alla regia della trasmissione: “C’è la figlia? Avete il numero in regia? Sandra? Qualcuno chiami la figlia”. Pochi secondi e Sandra Milo, ritornata in collegamento con la trasmissione, ha svelato il tutto: “Ci siete cascati, era soltanto uno scherzo. Ve l’ho fatta, sto benissimo”.

Leggi anche —–> Aurora Ramazzotti, com’era e com’è la figlia di Michelle Hunziker: la trasformazione

Leggi anche —–> Pier Silvio Berlusconi dedica d’amore: compra una pagina di giornale, il messaggio pubblicato

L’appello dell’attrice

Dopo qualche secondo, la comica e conduttrice Geppi Cucciari ha risposto: “Ma brutta matta guarda che non era così inverosimile che ti stesse venendo un colpo. Capisci? Ho capito che non ti passa mai la voglia di ridere, ma non farci questo”.

Sandra Milo, dopo lo scherzo, ha voluto fare un appello importante a tutti gli ascoltatori: “Invito tutti i soggetti che non soffrono di gravi forme allergiche o non sono immunodepressi o non sono donne in stato di gravidanza e/o in allettamento a sottoporsi, per senso civico e senza alcun timore, alla vaccinazione contro il Covid nel proprio interesse e per il bene dell’intera collettività. Fate come ho fatto anche io e non abbiate pensieri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.