Covid, morto Raoul Casadei: era ricoverato

All’età di 83 anni si è spento presso l’Ospedale di Cesena, Raoul Casadei . Era ricoverato da più di dieci giorni per Covid.

La morte di Raoul Casadei

Raoul Casadei , il Re del Liscio , la voce della Romagna, si è spento poche ore fa, all’età di 83 anni. Era ricoverato dallo scorso 2 marzo presso l’Ospedale Bufalini di Cesena per Covid. Come aveva raccontato qualche giorno fa sua figlia Carolina, il grande artista ad inizio marzo aveva una bassa saturazione, misurata col saturimetro. I medici, notata la polmonite in atto, hanno consigliato di ricoverarlo. Dopo dieci giorni di lotta con il virus, purtroppo il cantante non ce l’ha fatta. Le sue condizioni di salute sono precipitate negli ultimi giorni. Artista amatissimo, ha portato il folklore romagnolo in ogni angolo d’Italia, sino a rendere riconoscibile per tutti le sue leggendarie ballate.

Nato a Gatteo, il 15 agosto del 1937, è stato un predestinato sin dalla tenera età. Suo zio Secondo , fonda nel 1928 la Recinto Casadei di Villamarina di Cesenatico, gruppo di cui Raoul prenderà le redini anni dopo. Insieme ai grandi classici come il liscio e il singolo Romagna Mia. Fu proprio suo zio a fargli provare la prima chitarra della sua vita, un amore poi destinato a non tramontare mai.

Leggi anche —–>  Anticipazioni dell’ultima puntata della stagione di C’è Posta Per Te: tutti gli ospiti del 13 marzo

Leggi anche —–>  Antonella Clerici e Vittorio Garrone lieta notizia: “Nuovo arrivato!”

Una strepitosa carriera

In Occasione del Suo 80esimo compleanno, Raoul Casadei ha raccontato: “. NEGLI anni Sessanta facevo il maestro elementare . Poi ho Raccolto L’eredità di mio zio e ALL’INIZIO degli anni Settanta ho Avuto un Successo incredibile Da solo vendevo Più dischi di Tutti quelli che erano nella mia casa discografica “ . Nella Produttori Associati, per dire, c’era gente del calibro di Fabrizio De Andre ‘. E concluse: “Facevo 300/350 concerti l’anno. Incredibile”.

Raoul Casadei è diventato un vero simbolo di quella Romagna gioiosa ed ospitale, piena di grandi racconti. Nelle sue canzoni, valori come amore e amicizia, e un legame indissolubile con la terra e la gente da cui proveniva. Nel 2019 è stato insignito del Premio Romagnolo dell’anno. Tra i suoi più grandi successi ricordiamo: Ciao Mare” , “Romagna e Sangiovese”, “Simpatia”, “Musica Solare” e “Romagna Capitale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.