Cosa si può fare nelle regioni gialle, arancioni e rosse

Le disposizioni su cosa è permesso e cosa è vietato nelle regioni gialle, arancioni e rosse

regioni gialle, arancioni e rosse
Cosa si può fare nelle regioni gialle, arancioni e rosse

Con il DPCM dello scorso 4 novembre è stato istituita la suddivisione delle regioni per livello di rischio. Tre livelli, identificati con i colori giallo, arancione e rosso. Ogni settimana, il venerdì, l’analisi dei dati da parte dell’Istituto Superiore di Sanità e dal Ministero della Salute può cambiare il regime a cui una regione è sottoposta. Mentre in ogni momento una regione può passare ad un livello di rischio più elevato con misure più restrittive.

E’ dunque importante sapere cosa si può fare e cosa è vietato nei tre diversi scenari.

Cosa è vietato nelle Regioni gialle, arancioni e Rosse

Ci sono provvedimenti che valgono su tutto il territorio nazionale, altri in base alla fascia in cui si trova la propria regione, altri ancora che hanno un carattere esclusivamente regionale.

Fra le misure nazionali le più importanti sono: il coprifuoco dalle 22 alle 5; la chiusura di numerose attività quali cinema, teatri, musei, palestre e piscine; la didattica a distanza per i ragazzi delle superiori. Poi i mezzi pubblici che devono viaggiare al 50% dalla capienza. Le misure si fanno più stringenti mano a mano che si sale di livello: il giallo è quello in cui il rischio è medio basso, l’arancione quello medio alto, il rosso il rischio è elevato.

regioni italia
Lo schema su cosa si può fare e non fare nelle regioni gialle, arancioni e rosse

Le Regioni gialle: maggiori aperture

Le Regioni gialle sono quelle dove vigono meno restrizioni. I negozi sono tutti aperti e le scuole elementari e medie fanno didattica in presenza. Le restrizioni sono quelle in vigore in tutta Italia: coprifuoco alle 22, chiusura dei ristoranti e dei bar dalle 18, chiusura dei centri commerciali nel weekend, didattica a distanza per le superiori, chiusura di cinema, teatri, musei, piscine, palestre, sala giochi.

Le Regioni arancioni: stop ai ristoranti

Nelle Regioni arancioni oltre alla chiusure previste nelle regioni gialle ce ne sono altre due molto importanti: la chiusura totale dei bar e ristoranti, che possono solo fare asporto o domicilio e il divieto di spostamento dal proprio comune di residenza.

Le regioni rosse: lockdown

Il regime imposto alla regioni rosse è quello di un lockdown. Si può uscire infatti solo con autocertificazione e solo per motivi di comprovata necessità; tutti i negozi sono chiusi ad eccezione di quelli di prima necessità; la didattica a distanza si applica anche ai ragazzi della seconda e terza media.

Leggi anche -> Sport nelle zone rosse: cosa si può fare