Contatto con Positivo: come comportarsi? Procedura, tampone e tempi

Cosa fare e come comportarsi se si è entrati in contatto con un positivo? Ecco la procedura da seguire stando alla circolare del Ministero della Salute del 12 ottobre

tampone
La procedura da seguire se si è entrati in contatto con un positivo (foto web source)

Purtroppo con il diffondersi del coronavirus e con un numero di contagiati che ha raggiunto nelle ultime 24 ore 19 mila casi è possibile che si entri in contatto con un positivo. Come comportarsi in questi casi? Chi bisogna avvertire e che cosa si deve fare? Ecco tutte le procedure da seguire e i tempi. Con l’ultima circolare sono stati infatti modificati i tempi dell’auto-isolamento. Ecco i passaggi da seguire in caso di contatto diretto con un positivo.

E’ importante ribadire che chi è asintomatico è comunque contagioso. Semplicemente non ha i sintomi della malattia, ma ha il virus. E dunque infetta quando parla, quando tocca degli oggetti. Potrebbe essere tanto o poco contagioso – ciò dipende dalla carica virale – ma lo è comunque. E per un anziano o una persona fragile basta anche una carica virale bassissima per essere infetto e ammalarsi gravemente. Per questo è indispensabile – visto che potremmo essere asintomatici e non saperlo – indossare sempre la mascherina e tenere la distanza di sicurezza.

Inoltre per far sì che il contact tracing sia efficiente è indispensabile scaricare l’applicazione Immuni. Un’app totalmente sicura dal punto della vista della privacy ed estremamente importante nella lotta al virus.

Cosa fare se si è entrati in contatto con un positivo

Se un nostro collega, un amico o uno sconosciuto è positivo dobbiamo attivarci in quanto possiamo essere stati contagiati. Il primo passo da fare è avvertire il nostro medico curante. Sarà lui a doverci fare l’eventuale impegnativa per il tampone.

Se invece il contatto è indiretto, ovvero siamo stati a contatto con una persona la quale a sua volta è stata a contatto con un positivo, non dobbiamo fare nulla a meno che – ovviamente – il nostro contatto diretto non scopra di essere positivo.

Dunque se siamo entrati in contatto con qualcuno che poi è risultato positivo ecco cosa dobbiamo fare:

  • Se siamo asintomatici
    Se non abbiamo sintomi dobbiamo stare in quarantena per 14 giorni, passati i quali possiamo uscire. Oppure se vogliamo uscire prima del 14esimo giorno, dal 10 giorno possiamo sottoporci a test molecolare o antigenico. Se risulta negativo possiamo muoverci liberamente.
  • Se siamo sintomatici
    In caso si abbiano sintomi da SARS-COV2 bisogna sottoporsi a tampone molecolare e stare in isolamento per 10 giorni. Per rientrare in comunità è necessario effettuare un tampone, dopo almeno 3 giorni senza sintomi (escluso mancanza di gusto e olfatto che durano molto più a lungo). Se il tampone è negativo sono finite le restrizioni, se è positivo bisogna tornare in isolamento.
  • Se siamo ancora positivi
    Nel caso che nonostante l’assenza di sintomi il tampone risulta ancora positivo dobbiamo stare in isolamento e possiamo ripetere il 17esimo giorno. Se continua ad essere positivo dobbiamo stare ancora in isolamento fino al 21 giorno. Al 21 giorno se non abbiamo più sintomi da almeno 7 giorni possiamo rientrare in comunità. Questo tempo può essere però prolungato dalle autorità sanitarie a seconda dello stato del paziente.
mappa tamponi
Cosa fare dopo un contatto con un positivo (foto web source Ministero della Salute)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.